Interviste mountain bike news 2016

Home\Interviste
Buon Natale da Solobike.it e da Josè Antonio Hermida

Dopo 20 anni di carriera Hermida ha detto stop. Un atleta vincente e soprattutto sempre sorridente, che mancherà, anche se come dice questo non è un addio. L'abbiamo voluto sentire, per dirgli il nostro grazie e farvi avere gli auguri speciali del "pistolero". Il nostro modo speciale di augurarvi Buon Natale!

Solobike.it: Ciao Josè, come stai?
Josè Antonio Hermida: Molto bene. Tranquillo a casa mia. Sto preparando nuove avventure per il 2017 con Merida Bikes.

Solobike.it: Cominciamo dal momento in cui hai ufficializzato il tuo addio alle gare. Deve essere stata una decisione molto difficile...
José Antonio Hermida: Non tanto. La vita è facile e segue un percorso ben definito. Quando ho cominciato avevo dei miti, che piano piano si sono ritirati e sono arrivato al top. Ora tocca ai giovani di adesso fare lo stesso.



Solobike.it: Quali sono le motivazioni che ti hanno fatto prendere questa decisione?
Josè Antonio Hermida: Il momento. Ne più, ne meno. Ho raggiunto molto di più di quello che speravo quando avevo 14 anni. E adesso mi guardo indietro e attorno e mi sento un privilegiato. Così decidere di ritirarsi da World Cup, Mondiali, Olimpiadi era la cosa più naturale che potesse succedere.

Solobike.it: Tu hai dato tanto alla MTB, ma anche la MTB credo abbia dato tanto a te. Che emozione ti da vedere tutto l'affetto che tutti ti hanno dimostrato quando hai annunciato la decisione di ritirarti?
Josè Antonio Hermida: Decisamente molta gioia ed emozione. Già molti mi avevano dimostrato la loro stima durante la mia carriera, ma soprattutto l'ultima gara di World Cup è stata molto emozionante. Sicuramente la MTB ha dato più a me di quanto io ho dato a lei. La MTB mi ha dato uno stile di vita, formazione, amicizia, valori...



Solobike.it: Una carriera lunga. Molte vittorie. Molte emozioni. Gara dopo gara hai avuto sempre un approccio positivo. Tutti ti hanno apprezzato per le tue doti da atleta, ma anche per il tuo sorriso, la tua simpatia. Sempre disponibile con tutti. Non pensi che tanti amici di tanti anni ti possano mancare?
Josè Antonio Hermida: Si, chiaro. Dopo 20 anni è normale che alcune cose mi mancheranno. Però io sarò sempre vicino alla MTB, così come agli amici.

Solobike.it: C'è un aneddoto, in tanti anni di carriera, che magari non conosciamo, ma che ti è rimasto impresso?
José Antonio Hermida: Niente di particolare. In realtà tutta la mia vita con la MTB è piena di aneddoti. Perchè mi sono divertito molto. Ho fatto tutto quello che volevo fare e in 20 anni gli aneddoti sono tantissimi. E forse non vi sarete accorti che mi piace parlare molto...

Solobike.it: Hai vinto molto, compreso un mondiale e medaglie olimpiche. Qual è il risultato a cui sei più legato?
José Antonio Hermida: Credo la prima vittoria in World Cup a Napa Valley nel 2001. E' stato molto emozionante vincere una gara che avevo visto vincere ai miei idoli. Chiaro che il mondiale del 2010 è stato un grande momento. Una vera liberazione.



Solobike.it: Sicuramente molti ti ricorderanno ad Atene, conquistare una medaglia e tagliare il traguardo col gesto del pistolero. Comè è nato questo "mito"?
Josè Antonio Hermida: Si, decisamente, soprattutto in Italia. Il pistolero! E' stata una cosa spontanea, proprio come è stata spontanea e naturale tutta la mia carriera agonistica.



Solobike.it: Adesso ci saranno nuovi obiettivi, soprattutto a livello lavorativo. Innanzitutto l'accordo prolungato con Merida, di cui diventerai un ambasciatore dentro e fuori i campi di gara. Quali saranno i tuoi impegni ora?
José Antonio Hermida: Avrò un ruolo importante per Merida, che implica anche la mia partecipazione a prove marathon, manifestazioni (Roc d'Azur, Bike Festival...), fiere, sviluppo, test. Insomma... un sacco di cose nuove da fare e tutte divertenti.

Solobike.it: Però ti vedremo ancora in gara. Leggiamo di gare a tappe, marathon, enduro. Quali saranno i tuoi impegni agonistici?
José Antonio Hermida: Di preciso non so ancora, ma di sicuro mi terrò in forma, possibilmente tanto quanto prima.

Solobike.it: Hai un momento che cambieresti nella tua carriera?
José Antonio Hermida: Nada, niente...hahahahah. Credo che la mia carriera sportiva sia stata quasi perfetta. Mi ritiro dall'XC con tanti buoni ricordi.

Solobike.it: Adesso arriva Natale. Cosa hai chiesto a Babbo Natale nella tua letterina?
José Antonio Hermida: Un classico... salute, salute, salute. Ho sempre scritto la stessa cosa nelle mie letterine. Non ho mai chiesto successi, aiuto. Con salute e tranquillità si ottiene tutto.



Solobike.it: Josè, Ammettiamo che ci spiacerà non vederti più in gara. Ci mancherai, perchè sei sempre stato tra i nostri favoriti. Ti abbiamo sempre considerato uno dei migliori, in gara e fuori. Ti auguriamo il meglio per il tuo futuro, qualsiasi via tu decida di seguire.
José Antonio Hermida. Vi ringrazio per le belle parole, ma il mio non è un addio... ma un arrivederci. Auguro a voi e a tutti i vostri lettori i miei migliori auguri di buon Natale e buon 2017. Hasta Luego!!!

(Max Alloi)
    Condividi